venerdì 15 maggio 2015

Non solo una scuola ma anche una professione

Mercoledì 22 aprile 2015 nell'aula magna dell'Istituto gli alunni delle classi prime del corso CAT hanno relazionato a conclusione del progetto  
   "Incontro con i professionisti" 

in collaborazione con l'Ente scuola per l'Edilizia Esedil



Chi sceglie il corso CAT non sceglie solo una scuola ma anche una professione.”

Durante la mattinata di mercoledì 22 aprile nell’aula magna dell’Istituto Volta di Pavia gli studenti delle classi prime hanno potuto concludere con successo e soddisfazione un interessante progetto dal titolo “Incontro con i professionisti” in collaborazione con l’Ente Scuola per L’Edilizia Esedil, che si è articolato in più fasi da Dicembre ad Aprile.



I ragazzi hanno incontrato l’Architetto Sergio Lanfranchi, Direttore dell’Esedil, e successivamente quattro professionisti del settore. Ogni classe ha intervistato un esperto, ha rielaborato i risultati dell’intervista con l’aiuto dei docenti di lettere ed infine ha preparato una presentazione del proprio lavoro con il supporto informatico. Nello specifico i ragazzi hanno avuto l’opportunità di conoscere i vari ambiti di lavoro e in particolare alcuni profili professionali propri del settore delle costruzioni, dalla progettazione alla vendita del prodotto edile. Quattro lavori per quattro diverse figure professionali: progettista,tecnico della sicurezza, esperto del settore immobiliare, tecnico


di cantiere,

“Rispondendo alle nostre domande, la geometra Loredana Bellagente ci ha aiutati a comprendere le fasi principali della realizzazione di un progetto; confrontandoci tra noi, alunni della 1AG, abbiamo capito come esperienze del genere siano molto utili e preziose e quanto dovrebbero essere presenti nel percorso scolastico di ciascun ragazzo che frequenta questo tipo di scuola, il CAT. Ci siamo resi conto che dobbiamo impegnarci, studiare e fare molta pratica per diventare buoni professionisti. Non ci aspettavamo che il nostro futuro lavoro ci potesse coinvolgere così tanto emotivamente, sviluppando in noi interesse, passione, curiosità, entusiasmo…”



“Per il Progetto Esedil, noi alunni della classe 1 BG, abbiamo realizzato un video che è stato montato dalla nostra compagna Sabrina Banca in cui rappresentiamo la figura del tecnico della sicurezza. Siamo stati seguiti in questo percorso dal Geom. AndreaTrevisan che ci ha illustrato il suo lavoro. Divisi in gruppi, alcuni di noi si sono dedicati alle parti scritte, altri hanno creato le vignette e altri ancora hanno prestato la loro voce e presenza nel video. Questo progetto ci ha aperto gli occhi sul nostro futuro e ci ha fatto capire l’importanza di alcune figure all’interno del cantiere che prima davamo per scontate. In particolare ci siamo resi conto che il tecnico della sicurezza in passato non esisteva neppure,invece è una presenza molto importante per evitare incidenti, talvolta anche gravi, che avvengono nei cantieri. È necessaria infatti una persona formata e competente per evitare che leggerezza, negligenza o incompetenza provochino danni a cose o persone.”



“In occasione degli incontri gestiti dall’ ESEDIL la nostra classe 1 EG ha conosciuto il geometra Lorenzo Quartiroli in veste di amministratore di condominio. L’argomento trattato ci ha interessato in modo particolare in quanto evidenzia aspetti non solo attinenti alla costruzione ma, nello specifico, alla dimensione giuridica e relazionale ben evidenziata dall’esperto che ci ha illustrato alcune problematiche inerenti la figura di un amministratore condominiale.”



“Abbiamo appreso molte informazioni concrete sul lavoro del tecnico di cantiere – dicono i ragazzi della classe 1 CG –le caratteristiche di un cantiere,  l’organizzazione del lavoro, l’impegno orario… Il Geom. Michele Boselli, ex alunno del Volta, ci ha parlato delle competenze specifiche e delle responsabilità a cui ciascun tecnico deve rispondere per ultimare il lavoro affidato nei tempi previsti ed entro il budget prefissato.


Per ciascuna professione i ragazzi sono stati in grado di evidenziare caratteristiche specifiche, tipo di gestione, tempi e modalità nonché responsabilità per ciascun progetto illustrato, relazioni con la committenza. Tutti gli studenti hanno dimostrato molto impegno ed interesse ed hanno espresso ciascuno vivaci e spiccate capacità. Si sono entusiasmati non solo nel “sapere ma nel constatare di saper fare e saper essere”in un futuro ambito lavorativo; ripeterebbero volentieri l’esperienza proposta dall’ESEDIL e la consiglierebbero vivamente ai compagni dei prossimi anni.